In Memory of Rachel Corrie: Gian Franco Spotti (Italian translation)

IN MEMORIA DI RACHEL CORRIE

IN MEMORIA DI RACHEL CORRIE

A translation of Lasha Darkmoon’s In Memory of Rachel Corrie

Come tutte le cose pure e preziose
Come il santo pane e il santo vino
Amo la raggiante Rachel
Che morì per la Palestina

Un giorno tra cumuli di un verde prato
Nella malinconia del giorno
Guardando le beccate dei corvi
riflessi negli occhi degli agnelli
Nel loro crudele, esultante modo:

Mi ricordavo, mi ricordavo,
Come quei rapaci avvoltoi
Rubavano la terra ed affliggevano il popolo
Della storica Palestina.

Come i cecchini in  sui tetti
Armati di Uzi, in piedi,
Facevano schizzare il sangue dei bimbi
Contro i piangenti muri delle aule di scuola.

Come i coloni sputavano sui Cristiani
Nella terra dove Gesù morì
E come quelli che sputavano
Abbiano il mondo dalla loro parte.

Come abbattono coi bulldozer le case della gente
Finché i tetti crollano sulle loro teste
E le donne supine e straziate
Davanti ai bimbi ancora nei letti.

Come i famelici assassini vagano
In questa valle di lacrime
Sparando in faccia ai bambini
Mentre il mondo guarda e acclama.

Come le Rachel Corries dagli occhi grandi
Senza vita al cimitero giacciono
Mentre gli uccelli della prece ingrassano
E il mondo gira la testa dall’altra parte.

Oh Cristo, ritorna a salvare questi bambini
Metti fine al loro dolore!
Metti fine al perfido Sion!
Ritorna Palestina!

Like this? Share it now.
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on RedditShare on TumblrBuffer this pageEmail this to someonePrint this page