The Keys of the Unseen: Gian Franco Spotti (Italian translation)

LE CHIAVI DELL’INVISIBILE

A translation of Lasha Darkmoon’s The Keys of the Unseen

Sono io
che tenevo le Chiavi dell’Invisibile.
Tutti i tesori del sapere giacciono spogli
davanti a me. Tutte le immagini
del tempo-passato, presente e futuro-
Io le creo,

Io le intreccio
nella mia rete, io le adoro
teneramente. Non una foglia cade a terra
senza che io lo sappia. Non un filo
d’erba cresce laggiù nel prato senza che
io lo veda.

Non un fiocco di neve
alza il capo negli ombrosi
boschi, che non viva la sua oscura vita segreta.
Ogni cosa ha la sua storia
scritta in Sijjin nel

Libro delle Gesta.

Tutto ciò
che può essere saputo, è saputo. Qualcuno
lo sa. Io sono colui che ti fa visita
nei sogni notturni, che vede tutto
ciò che fai nella stanza segreta. Un
giorno ti

resusciterò dalla morte. Sarai con me
dove sono ora, e ti mostrerò le lenzuola
macchiate della tua vita. E laverò via i
tuoi peccati, e le tue lenzuola torneranno
pulite.

E brilleranno di bianco mentre
asciugheranno al sole negli sbiancanti prati
dell’eden, quei prati coperti di rugiada e
quei passerotti, nascosti nella mia mente.

Like this? Share it now.
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on RedditShare on TumblrBuffer this pageEmail this to someonePrint this page