L’urlo della mente

L’URLO DELLA MENTE

An Italian Translation of Lasha Darkmoon’s ‘Mindshriek’

by GIAN FRANCO

L’urlo della mente – Negli abissi infernali dell’orrore!
Un luogo in cui non vorresti mai essere.
Un luogo in cui potresti trovarti domani,
Quando sarai nel Pozzo della Disperazione, giù in fondo,
Dove, dove potrai fuggire?
E ’un dolore cosi forte che niente può
Fermarlo; solo l’oppio, solo
La morfina, l’eroina, forse la cocaina.
Non ci può essere un inferno più profondo. Ci sarà
Laggiù Dio nell’oscurità, da solo?
Paralizzato, in un letto di dolore, senza parola:
Pregando con tetri voraci occhi
Moksha, che sollevi dal dolore, ma sempre immortale.
Vieni o Dio, abbi pietà, dacci infine
La Nostra Più Dolce Sorpresa.

7 thoughts to “L’urlo della mente”

  1. and italian is such a wondrous language, customized to the task.

    protestant languages are more suited for notices of eviction and suchlike, a different kind of poetry.

  2. Beautiful translation!
    How about this one:
    Togliete le meretrici dal consorzio humano
    e avrete turbato
    tutto lo scatenamento delle passioni! 🙂
    (St Augustine)
    Now that’s poetry, as well as profound moral and social philosophy by a great saint and one of the deepest thinkers of all time! (I always thought it sounded best in Italian rather than the original Latin.)

    1. By the way, I’d like to comment on some of the older poems, and I’m sure some others would as well, especially newcomers to this site, but they all say “comments are closed.” Will you please consider allowing comments on these poems? I see no good reason for this administrative decision. And if there is a reason, I say the benefits of allowing them would outweigh your reasons. Thanks.

  3. Quanto populismo in un solo post. Se il napoli avesse vinto come ha vinto la Juve ieri sera si sarebbe parlato del pragmatismo del bel gioco. La Lazio, così come la Juve, ha deciso di difendersi ad oltranza, Dio solo sa quanto sia bello difendersi bene per i difensori. Siamo oggettivi la sconfitta del napoli è figlia della grande, troppa, consapevolezza di superiorità. La Juve ha come motto “fino alla fine” e fino alla fine significa anche fino al 93. Concludo dicendo che i due secondi che sono passati dal goal al solito urlo di Caressa erano sufficienti per imprecare in tutta Italia 🙂

Comments are closed.