Gilbert Huntly: ‘Four Poems of Love and Death’ (Italian translations)

Translated into Italian
By GIAN FRANCO SPOTTI

Original English versions

OSCURE ACQUAE

Acque oscure da solcare;
Un albero spezzato, la paura assale.
Così lontan salpare, così profondo da scandagliare,
Nessuna stella a cui il timone affidare!

Nessuna sorridente luna che illumini;
Nessun faro che guidi
Offre speranza, e nemmeno facilita
Questo viaggio nella Notte.

Ed ora prego il mio Dio
Che il mio viaggio finisca presto –
E guidi la mia nave e la malandata vela
Verso più miti venti;

Nel sole lasciarsi trasportare;
La mia anima verso l’alto innalzare;
Placare questa tempesta che lacera il mio spirito,
Per poi mandarmi alla deriva, e poi morir!

—   §   —

2.  SENZA RITORNO

Lontano, lontano nel torbido mar
Il mio amore sognando ad occhi aperti sta ad aspettar
Mentre compone versi scrive per me –
E per il mio ritorno.
 
Il suo mento, così perfetto e delicato,
Getta ombre che danzano sulle rime
Mentre candele tremule segnano il tempo
Del mio ritorno.
 
Le sue dita bladiscon la penna scrivendo
Amore poetico che sente dentro,
Aspettando l’alba, il cambio di marea –
Ed il mio ritorno
 
Ahimè! Mai più le nostre braccia si stringeranno!
E mentre questa nobile nave affonda
Io grido il suo nome mentre son sul ciglio
Del Non Ritorno.

—   §   —

3.  SEPMRE ED ETERNAMENTE

“ Sempre ed Eternamente”, mi diceva l’amor mio,
“ Sempre ed Eternamente il mio amor ti darò”.
Le diedi allor un bacio in segno di risposta
Che “Sempre ed Eternamente”
è una fantasia di rima

Diventa ancor più certo col passar del tempo,
A carne e sangue pensa il tempo e l’avvizzimento –
Il ritorno alla polvere, ancora;
E il luogo del Sempre ed Eternamente
Nessun mortale può raggiungerlo.

Perché “ Sempre ed Eternamente “ sono nello spazio degli dei;
E per il prezzo di amare, ci chiedono il dolore
Di sapere che “Sempre ed Eternamente” è
Una promessa fatta, in vano.

Ma senza la tradizion infrangere, ho rivelato di nuovo il racconto,
Dicendo “sempre ed eternamente” amerei anche lei;
Poiché il concetto di Eternamente
a apparire il nostro amore bello e intenso;
Così quando si dirà “sempre ed eternamente” –
la bugia sarà lusinghiera.

—   §   —

4. LA VERITA’ ALLO SPECCHIO 

Il vetro dello specchio mi rivela
Un fantasma che di rado vedo –
La visione di me stesso, così come sono
Di carne ed ossa – un mortale uomo.
 
In giorni di gioventù, con poca riflessione,
Pensavo aver raggiunto la perfezione:
Immortale…..sempre giovane.
E così in qualche modo alla vita mi aggrappai.
 
Ma ora che i giorni si ingrigiscono sempre più.
Non sono più uno spensierato attore.
So quanto io sia stato benedetto,
Dimorando qui in mezzo agli altri.
 
Ed io, come loro, avvizzirò e morirò
(Oh fugace tempo, dove sei volato?)
La carne in così poco tempo polvere ritorna.
Ah, è troppo tardi – si impara troppo tardi!

One thought to “Gilbert Huntly: ‘Four Poems of Love and Death’ (Italian translations)”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *